Uno zaino per amico

Pubblicato il Pubblicato in Curiosita

Uno zaino per amico

Fin da giovanissimo, sono sempre rimasto affascinato dai fotografi esploratori, che con il loro grosso zaino si inerpicavano in zone assolutamente sconosciute, per ritrarre un paesaggio nuovo agli occhi delle persone.
Mi chiedevo sempre cosa ci fosse in quegli zaini giganteschi che si trascinavano sulle spalle, per fargli trascorrere giorni e giorni in mezzo alla natura.
Di tempo ne è trascorso da quei giorni, ora anche io so cosa contengono, l'ho imparato bene, con il tempo e le innumerevoli esperienze trascorse all'aria aperta, mi hanno formato, rendendomi consapevole che un'ottima attrezzatura mi accompagnerà fino alla realizzazione dei miei obiettivi.
Quando ti trovi a decine e decine di chilometri dalla civiltà l'unica cosa a cui puoi fare affidamento è dietro le tue spalle.
Lo zaino è il tuo migliore amico a cui ti devi affidare se le cose in qualche modo prendono la piega sbagliata come purtroppo è capitato anche a me qualche volta.

Ho fatto molte esperienze prima di trovare il mio assetto "perfetto".
Si pensa sia semplice! Non lo è affatto, o meglio, se si pensa di uscire per un semplice trekking di uno o al massimo due giorni, la scelta dell'attrezzatura non è poi così complessa, anche se su questo discorso ci sarebbe da soffermarsi con attenzione, perché comunque quando si affronta un'escursione, anche che fosse di mezza giornata, ci sono delle regole da dover rispettare.
Se invece si intende raggiungere dei luoghi abbastanza lontani e star fuori parecchi giorni, la musica cambia, perché in quel caso come accennavo prima, dietro le vostre spalle c'è la vostra casa, il vostro studio fotografico. E soprattutto ci sono le soluzioni a quasi tutti i problemi che si possono incontrare durante il cammino.
Oggi ci sono moltissime comodità tecnologiche da poter utilizzare, per la questione sicurezza, su cui si può contare, che accompagnano moltissime volte anche me, ma se posso permettermi a fronte di molte mie esperienze, non fare assolutamente affidamento al cento per cento sulla tecnologia!
Si passa tantissimo tempo a preparare l'attrezzatura, a programmare, a cercare di far filare tutto al meglio, ma la magia è che ogni volta c'è sempre l'imprevisto! Che questo sia di poco conto o di un'elevata importanza, non conta. C'è sempre! E bisogna essere preparati SEMPRE.

Tutti i post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *